fbpx
mercoledì, Agosto 17, 2022

Adra Trieste pro Ucraina

Intervista al Pastore avventista Michele Gaudio

Michele, lei dirige una comunità di fede multietnica, anzi, più di una. Parte di questo popolo confessante è ucraino. Quali sentimenti ha raccolto in questo periodo?

Si avverte sui volti molta tristezza e preoccupazione per familiari, parenti, amici lasciati e per la stessa terra nativa. Molta incertezza, ma mai disperazione, nessuna rassegnazione. Ciò che ho avvertito è una grande forza d’animo e speranza.

Quale forza, magari per la prima volta, riesce a scorgere in quegli occhi blu come il cielo?

Tutti gli ucraini che conosco sono credenti. Si riparano nella fede in Dio. Sono un popolo di grande fierezza e dignità. Accettano l’aiuto, ma non l’elemosina, in qualche modo vogliono meritarsi la gratuita di cui sono in questo periodo oggetto. Lo si vede anche nella resistenza che stanno opponendo all’invasore russo.

Ci spiega in due parole come sia possibile che dalla disperazione più marcata possa risorgere comunque un filo di speranza?

È difficile umanamente vedere un lieto fine della vicenda. Il credente sente come tutti questo peso e le ombre avvicinarsi, però, probabilmente, la fede nelle promesse di Dio, sapere che lui nonostante e malgrado tutto ci è vicino, ci sorregge e controlla tutto, è un ingrediente di successo, una marcia in più, una spinta che aiuta a andare oltre. Nonostante la polvere umana il credente alza lo sguardo e cerca di vedere lontano.

Cosa state facendo e come siete organizzati per la preghiera pratica nei confronti delle enormi necessità ucraine e di chi non ha più nulla?

Non crediamo in una preghiera disincarnata dalla realtà. Ogni preghiera se non accompagnata da gesti concreti e pratici è un simulacro. Sappiamo che ciò che facciamo è poco, ma è la nostra preghiera. Abbiamo lanciato sul territorio un appello alla solidarietà e la cittadinanza sta rispondendo con grande generosità. La nostra chiesa è ormai piena di aiuti umanitari e diversi furgoni stanno partendo. Molti sono anche i volontari che tra i cittadini si offrono per darci una mano a smistare e incartonare. Adra Trieste nella nostra città è molto conosciuta per il servizio di distribuzione mensile. Siamo consapevoli che dovremo ancora intensificare gli sforzi e confidiamo nell’aiuto di Dio.

Nel podcast qui sotto abbiamo raccolto le impressioni di Carlo Depangher Responsabile ADRA Trieste.

spot_img
spot_img
Articoli recenti
- Abbonati alla nostra rivista cartacea -spot_img

ARTICOLI CORRELATI
Annuncio pubblicitariospot_img